Dropshipping

Sommario
    Add a header to begin generating the table of contents

    Significato e funzione

    Fondamentalmente, il dropshipping, a volte chiamato anche Fulfillment o spedizione diretta, non è una novità. Il principio è semplice: gli ordini dei clienti vengono ricevuti da un rivenditore, ma non vengono inviati da lui, ma dal produttore o grossista direttamente al cliente. Ciò risparmia completamente al rivenditore le aree di stoccaggio e logistica. Quindi un anello della catena di approvvigionamento viene praticamente saltato.

    • Cliente: ordina da un venditore e riceve merce dal fornitore-dropshipping. Non viene mai a conoscenza del modello dropshipping perché elabora il suo ordine solo attraverso il negozio.
    • Venditore: noto anche come dropshipper, offre i suoi prodotti (ad esempio tramite un negozio online) e “ordina” dopo un ordine del cliente dal rivenditore dropshipping con consegna diretta al cliente.
    • Operatore dropshipping: confeziona i prodotti ordinati per il cliente e li invia. La confezione porta il marchio del venditore / dropshipper.

    Il processo del dropshipping in sintesi:

    Processo in sintesi del dropshipping

    Esempio pratico dal settore B2C
    Un cliente ordina un gioco per console in un negozio online. Il rivenditore online (= dropshipper) riceve l’ordine e lo inoltra a un grossista per l’esecuzione logistica. Questa a sua volta effettua la consegna per conto del rivenditore. Per il cliente, spesso non appare affatto. Piuttosto, ha la sensazione di ricevere tutti i servizi da un’unica fonte, ovvero dal rivenditore. Per quanto riguarda il servizio nel dettaglio, esamineremo diverse caratteristiche.

     

    Che tipi di dropshipping esistono?

    Il dropshipping esiste in diverse forme, per cui va fatta una distinzione fondamentale tra l’adempimento da un magazzino all’ingrosso e quello in conto vendita. A volte viene usato il termine “affare in commissione”, ma è sbagliato. In questo caso, un rivenditore online vende beni per conto di terzi e riceve una provvigione. Questo non ha nulla a che fare con il dropshipping. Devi solo essere in grado di distinguere tra due varianti di dropshipping:

    Variante 1: adempimento tramite magazzino all’ingrosso

    Con questa variante, il rivenditore online può potenzialmente ricorrere all’intera gamma del grossista. Tuttavia, questo vale solo se sono disponibili scorte sufficienti. Se il dropshipper ha prodotti nel suo negozio online che non sono più disponibili nel magazzino del grossista, l’ordine non può più essere eseguito. Con questo modello il rivenditore sostiene sia i costi di acquisto che di spedizione al cliente.

    Variante 2: adempimento tramite magazzino in conto deposito

    Il termine “magazzino in conto vendita/deposito” significa tradizionalmente che un grossista allestisce un magazzino all’interno o vicino alla sede del suo cliente, con la proprietà della merce che passa al cliente solo quando l’articolo viene rimosso dal magazzino. La situazione è leggermente diversa con il dropshipping: in questo caso, un grossista allestisce un’area di stoccaggio separata per il rivenditore online nel suo magazzino centrale. Il rivenditore beneficia di una fornitura sicura della merce, poiché le scorte sono tenute esclusivamente per lui e quindi nessun terzo ha accesso ad esse. Tuttavia, questo è spesso associato a costi aggiuntivi o a determinati obblighi di acquisto.

    Quanto costa il dropshipping?

    Il dropshipping è ovviamente associato ai costi per i rivenditori online.
    Particolarmente degni di nota sono:

    • Spese di spedizione
    • Spese di gestione
    • Supplementi per piccole quantità

    L‘ambito delle spese di spedizione è relativamente trasparente. Qui vengono stimate solo le spese di spedizione abituali sul mercato. Di solito i grossisti ricorrono a condizioni speciali per i servizi di spedizione di pacchi, il che si traduce in condizioni favorevoli.
    Le spese di gestione, a volte chiamate anche “commissioni di prelievo e imballaggio”, sono generalmente calcolate per articolo. Coprono i costi di prelievo (picking) e imballaggio delle singole spedizioni.
    Potresti anche dover far fronte a supplementi per piccole quantità. Si tratta di una pratica relativamente diffusa tra i grossisti, che la utilizzano per proteggersi da piccoli ordini. Questa vendita minima non è rara.

     

    Vantaggi e svantaggi del dropshipping

    Negli ambienti dell’e-commerce, il dropshipping è visto da molte aziende come un’opportunità per entrare nel trading online in un breve periodo di tempo, senza investimenti o conoscenze particolari. C’è in parte la convinzione che “tutti” possano costruire un reddito passivo attraverso l’adempimento.

    Tuttavia, questo non è affatto il caso! Solo perché viene utilizzato un determinato metodo di spedizione non significa che le ulteriori sfide di una società commerciale vengano eliminate e che non sia necessario alcun know-how.

    Se confrontiamo direttamente il dropshipping e la spedizione classica, diventa chiaro quali vantaggi e svantaggi esistono:

    Caratteristiche Dropshipping Caratteristiche spedizione classica
    + basso bisogno di investimento – Investimenti su magazzino e loggistica necessari
    + Basso impiego di capitale – Capitale vincolato da giacenza merci
    + Ampio assortimento possibile – Assortimento ristretto
    + Elevata scalabilità in breve tempo – Solo lentamente scalabile
    + Possibilità di internazionalizzazione – Difficile da internazionalizzare
    – Margini bassi + Margini elevati grazie all’acquisto e alla vendita diretti
    – Difficile cross-selling + Possibilità di cross-selling con una sola spedizione
    – Spese di spedizione difficili da calcolare + Le spese di spedizione sono fisse
    – Giacenza merci non controllabile Pieno controllo sulle scorte (quantità, qualità)
    – Situazione di consegna non sicura + Chiarezza sulla situazione di consegna per i clienti finali
    – Poca possibilità di controllo + Controllo sul percorso di spedizione, tempi di spedizione e tempi di consegna
    – Difficoltà nella gestione dei resi +  Semplice gestione dei resi

    Quali vantaggi ha il dropshipping?

    Come mostra la sezione precedente, il dropshipping ha diversi vantaggi:

    Prima di tutto, non c’è bisogno di acquistare e immagazzinare beni costosi, il che fa risparmiare il tuo capitale.

    Inoltre, risparmi spazio di stoccaggio e personale di magazzino.

    Non devi preoccuparti nemmeno della logistica.

    Inoltre, non c’è il rischio che la merce resta invenduta in magazzino.

    Un altro vantaggio è che puoi impostare tu stesso il margine di profitto in molti casi. Sebbene alcuni fornitori di dropshipping stabiliscano prezzi minimi, in teoria non esiste un limite massimo, ad eccezione della sensibilità al prezzo dei tuoi clienti.

    Un altro punto a favore è la buona scalabilità. Puoi espandere la tua gamma con il dropshipping in breve tempo, operare a livello internazionale e di solito coprire i picchi di ordini senza problemi.

     

    Quali svantaggi ha il dropshipping?

    Per vari motivi, non sempre ha senso costruire un business online esclusivamente sulla base del dropshipping. In sintesi, il dropshipping è particolarmente vantaggioso in termini di requisiti di investimento e scalabilità. D’altra parte, ci sono alcuni svantaggi, i principali da menzionare sono:

     margini bassi

     basso livello di attenzione al cliente

     Perdita di controllo sui propri prodotti

     

    In quali aree è possibile utilizzare il dropshipping?

    Il metodo di vendita dropshipping è fondamentalmente adatto a quasi tutti i tipi di società commerciali. Può essere utilizzato in particolare nei seguenti scenari:

    • Nel tuo negozio online
    • Sui marketplace di e-commerce
    • Nella vendita al dettaglio fissa

    Dropshipping nell’e-commerce

    Il dropshipping viene spesso utilizzato in combinazione con il tuo negozio web. Tuttavia, numerosi rivenditori utilizzano questa strategia anche su noti e-marketplace come Amazon ed eBay. Il vantaggio principale risiede nell’enorme gamma dei marketplace. I prodotti possono essere trovati qui da un numero molto elevato di potenziali acquirenti. Tuttavia, gli e-marketplace presentano anche degli svantaggi. Il dropshipper deve rispettare le regole (a volte rigide) del fornitore della piattaforma. Ad esempio, Amazon vieta completamente la vendita di determinati prodotti. Inoltre, i fornitori ovviamente addebitano commissioni per l’uso.

     

    Dropshipping nella vendita al dettaglio fissa

    Quello che è meno noto è che il dropshipping viene utilizzato anche nella vendita al dettaglio tradizionale. In questo caso il rivenditore non immagazzina personalmente i prodotti, ma fornisce ai propri clienti solo articoli a catalogo o in esposizione. Tuttavia, la spedizione viene effettuata dal fornitore di dropship. Ciò consente di risparmiare sui costi di stoccaggio e può essere un vantaggio soprattutto per merci ingombranti o pesanti.

     

    Il tuo ingresso di successo nel dropshipping!

    Dopo tutta la teoria, ti chiedi se il dropshipping sarebbe un modello adatto alla tua azienda, al tuo negozio online? Qui riceverai preziosi consigli affinché nulla possa ostacolare il tuo successo!

    Se vuoi entrare nel dropshipping, ti troverai di fronte a una varietà di offerte, modelli di business e fornitori di servizi diversi. Purtroppo in questa zona ci sono anche molte pecore nere.

    Ma niente panico! I suggerimenti di seguito ti aiuteranno a evitare o risolvere tutti questi problemi.

    Come trovare il miglior fornitore di servizi di dropshipping

    I partner seri di solito non sono specializzati esclusivamente nel dropshipping. Piuttosto, sono aziende o grossisti noti che hanno ampliato il proprio Portfolio per includere questo servizio.

    Quindi scegli solo partner con molti anni di esperienza. Con l’aiuto di un estratto del registro di commercio, puoi conoscere gratuitamente online quando l’azienda è stata fondata e da quanto tempo è attiva.

    Inoltre, se possibile, limitatevi alle società di capitali, poiché di solito sono più solide delle società di persone o persino delle ditte individuali.

    Suggerimento: si consigliano anche i fornitori di servizi di adempimento la cui sede centrale e il centro di spedizione si trovano in Germania. In caso contrario, tu come “distributore” diventi automaticamente un importatore, il che può comportare enormi sforzi e incertezze legali, ad esempio per quanto riguarda la responsabilità del prodotto.

    Identifica passo dopo passo il partner giusto

    Hai già un contatto esistente con un grossista? Quindi chiedi prima se un servizio di dropshipping è possibile prima di andare nella concorrenza e possibilmente infastidire il tuo partner. Spesso i grossisti offrono un’opzione dropshipping senza promuoverla attivamente. Se questo non è il caso, dovresti seguire i seguenti passaggi per trovare un fornitore adatto:

    1. Ricerca su Internet
    2. Utilizzo dei motori di ricerca dei fornitori
    3. Guarda i mercati dropshipping
    4. Partecipa a “eventi offline”

    1. Ricerca su Internet

    Usa il motore di ricerca per trovare grossisti dropshipping. La sfida ora è distinguere grossisti affidabili da fornitori dubbi. Una caratteristica importante per la serietà è innanzitutto che il grossista vende esclusivamente ai rivenditori, ma non ai consumatori finali. Tali grossisti di solito richiedono anche la prova che stai gestendo un’attività.

    Un altro fattore è il modello di pagamento. Le tariffe una tantum o mensili non sono un segno di partner seri. Notare anche i suggerimenti generali della sezione precedente:

    • scegliere un partner esperto
    • Location sede e magazzino
    • struttura aziendale solida
    1. Utilizzo degli elenchi dei fornitori

    Oltre alla ricerca generale su Internet, gli elenchi dei fornitori speciali forniscono anche informazioni interessanti come:

    • le pagine gialle
    • Alibaba
    • Europages

    Tuttavia, devi cercare specificamente per il tuo prodotto o area di prodotto. Il termine di ricerca “dropshipping” non produrrà alcun risultato utile. Quindi giudicare di nuovo i fornitori secondo il modello di cui sopra.

    1. Guarda i mercati dropshipping

    Un altro modello di business sono i mercati dropshipping come eBay e Amazon. Su queste piattaforme B2B, i prodotti vengono solitamente offerti direttamente per l’acquisto o per l’inclusione nel portafoglio del rivenditore online. I grossisti di solito pagano una commissione di transazione qui, mentre tu come rivenditore non devi sostenere alcun costo per la versione base. Tuttavia, ci sono anche modelli in cui sono dovuti canoni mensili per l’accesso del rivenditore con una gamma estesa di funzioni. Alcuni esempi di piattaforme dropshipping affidabili sono

    – Zentrada

    – Shopware Connect

    – il cosiddetto marketplace del dropshipping

    Suggerimento: per iniziare con il trading online, in alternativa al tuo negozio online, puoi anche fare dropshipping tramite Amazon o eBay. Quindi puoi vendere i tuoi prodotti, guadagnare denaro e alla fine aprire il tuo negozio online con questi soldi. Alla lunga, conviene meno vendere solo su Amazon ed eBay a causa delle commissioni sostenute. Per i principianti, tuttavia, è un buon modo per iniziare.

    1. Partecipa a “eventi offline”

    Anche nell’era dell’e-commerce, la costruzione di una rete nella “vita reale” non va sottovalutata. Partecipa ad una fiera specifica, per esempio. Tutti i contatti chiave del settore sono sul posto e puoi scoprire esattamente come si comportano i singoli fornitori quando si tratta di dropshipping.

    Sincronizzazione delle scorte

    Il problema principale nel dropshipping è la giacenza/scorte errate. L’obiettivo deve essere che i dati di inventario vengano trasferiti al sistema del tuo negozio il più rapidamente possibile. L’ottimale è la sincronizzazione in tempo reale in modo che i tuoi clienti abbiano sempre accesso a informazioni assolutamente affidabili. Se invece il tuo negozio indica erroneamente che un articolo è disponibile e il cliente continua a non ricevere la consegna, la fiducia si va perdendo.

    Da ciò si può dedurre che dovresti lavorare solo con partner che consentono di confrontare i dati a brevi intervalli o in tempo reale. Se sai già che il tuo fornitore aggiorna i dati solo a intervalli più lunghi, dovresti almeno creare un buffer di tempo sufficiente.

    Suggerimento: se, d’altra parte, disponi di un tuo magazzino, puoi conservare un piccolo numero degli articoli dropshipping più popolari lì e quindi evitare un collo di bottiglia della consegna. In pratica, però, questo sarà possibile solo con un range gestibile.

    La sincronizzazione dei prezzi diventa una trappola dei costi

    Un altro problema nel dropshipping di cui molti rivenditori possono sicuramente raccontare è l’aumento inosservato dei prezzi di acquisto. Se ciò accade con margini già bassi, ti ritroverai rapidamente nella fascia di perdita. Anche in questo caso, gli aggiornamenti dei prezzi dovrebbero essere inviati il prima possibile.

    Suggerimento: idealmente, il grossista annuncerà le modifiche con il giusto margine di tempo

    Invia correttamente lo stato della spedizione al cliente finale

    Se la merce è stata spedita dal grossista, il cliente finale deve ricevere una notifica di spedizione dal tuo negozio online e lo stato della spedizione deve essere aggiornato. È quindi imperativo che il grossista invii una notifica di spedizione. Se questo viene fatto esclusivamente via e-mail, raggiungerai i tuoi limiti con questa procedura manuale al di sopra di un certo volume di vendita.

    Suggerimento: dovresti quindi assicurarti sempre che i messaggi di spedizione vengano elaborati automaticamente. È pratico qui se nel processo viene utilizzato un numero di tracciamento univoco.

    Rispetto delle date di consegna: fornire informazioni affidabili sull’orario

    Dovresti specificare tempi di consegna realistici nel tuo negozio, anche e soprattutto se i tempi di consegna delle merci del tuo magazzino e degli articoli in dropshipping differiscono l’uno dall’altro. Se l’esperienza mostra che i tempi di consegna del tuo fornitore sono fluttuanti, scegli un margine di tempo più ampio.

    Consiglio: se i tempi di consegna sono costantemente troppo lunghi, dovresti pensare di cambiare il fornitore di servizi per non mettere a rischio la soddisfazione del cliente.

    Utilizzare imballaggi e documenti neutri

    Idealmente, il tuo cliente non noterà che sta ricevendo la merce da un fornitore di servizi di evasione ordini. Tuttavia, questo funziona solo se l’intera confezione e tutti i documenti di accompagnamento sono neutri o anche nel tuo design aziendale. È meglio fornire al fornitore del servizio di adempimento il proprio materiale.

    Suggerimento: se non è possibile allegare la fattura, è possibile inviarla anche insieme alla conferma di spedizione tramite e-mail.

    Progetta il processo di restituzione e reclamo in modo semplice per il cliente

    I resi sollevano regolarmente domande da parte dei rivenditori online:

     Dove deve restituire il cliente la merce?

     Chi è responsabile della gestione?

    In caso di resi semplici, il rivenditore è solitamente il primo punto di contatto. In caso di mancanza o difetto, dipende dal contratto di servizio con il fornitore. Le merci interessate vengono restituite al fornitore o devono essere inviate direttamente al produttore. In ogni caso, assicurati che l’indirizzo di restituzione sia chiaramente indicato sui documenti di consegna.

    Suggerimento: : i buoni fornitori di servizi di dropshipping offrono un buon servizio per la gestione dei resi. Ciò significa: anche tu dovresti essere in grado di restituire gli articoli.

    Tieni sempre d’occhio la soddisfazione del cliente

    Il problema è che, a causa della  mancanza di controllo , si possono verificare più volte casi che hanno un impatto negativo sulla soddisfazione del cliente. Il rivenditore online deve reagire a questo in modo accomodante per non allontanare per sempre gli acquirenti ed evitare una reputazione negativa. Con margini naturalmente bassi, l’aria diventa rapidamente sottile in termini finanziari.

    Suggerimento: calcola sempre i costi per prefinanziamenti, resi e accordi di avviamento nei tuoi prezzi. Non iniziare con margini minimi solo per ottenere il successo iniziale delle vendite.

    Spedizione classica vs. Dropshipping

    Come hai visto nella tabella sopra, ciascuno dei modelli di business è associato a opportunità e rischi. Di conseguenza, devi analizzare esattamente quale approccio si adatta meglio all’orientamento attuale e futuro del tuo negozio online. Naturalmente, il capitale disponibile gioca da un alto un ruolo decisivo. Tuttavia, dovresti comunque verificare se non è più economico investire in stoccaggio e logistica.

    Consiglio: è anche concepibile e persino raccomandabile un mix di entrambe le varianti. Qui puoi, ad esempio, inviare tu stesso la tua gamma principale o i tuoi “articoli in rapido movimento” e gestire prodotti piuttosto irrilevanti tramite dropshipping.

    Conclusione

    L’arte del dropshipping consiste nel trovare un partner adatto e automatizzare il più possibile tutti i processi. Se è possibile garantire che i dati siano aggiornati e che la consegna sia affidabile, così il dropshipping è un modello interessante con cui i rivenditori online possono espandere i propri articoli e la propria gamma di prodotti e guadagnare bene.

    Tuttavia, il dropshipping non è né facile né economico. Senza una base di capitale e investimenti iniziali, contrariamente alle promesse di molti fornitori, è difficile implementare un solido modello di business e-commerce esclusivamente su questa base.

    I processi senza intoppi possono essere implementati in particolare se viene utilizzato un sistema ERP in background che supporta il drop shipping e consente il collegamento dei sistemi del negozio tramite interfacce intelligenti.